L’attività in Regione

Negli anni 2010-2015 il mio luogo di lavoro è stato in via Cavour, 2 – 50129 Firenze, sede del Consiglio regionale.

I miei incarichi sono stati: componente dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, con deleghe per il Parlamento degli studenti, partecipazione, pari opportunità, Pianeta Galileo, progetto Euro-African partnership; componente della Quinta Commissione consiliare istruzione, formazione, beni e attività culturali.

Ho fatto anche parte del Forum delle elette, costituito nell’ambito della Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome.

Presenze e voti espressi nelle recenti sedute del Consiglio regionale li trovi nell’Anagrafe pubblica, cliccando qui.

L’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale

L’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale è composto dal Presidente, da due Vice presidenti, da due consiglieri segretari e da due consiglieri questori. Dalla legislatura 2015 i componenti sono stati ridotti a 5, in corrispondenza con la riduzione del numero dei consiglieri da 55 a 40. L’ufficio di presidenza coadiuva il presidente nell’esercizio dei suoi compiti; propone il bilancio autonomo del consiglio; definisce gli obiettivi e gli indirizzi per l’organizzazione degli uffici consiliari e per la gestione del personale; nomina il segretario generale del consiglio, su proposta del presidente; verifica i risultati della gestione consiliare; esercita le altre funzioni ad esso attribuite dallo Statuto, dalle leggi, dal regolamento interno del consiglio. Si riunisce di regola due volte al mese. I lavori dell’ufficio di presidenza non sono pubblici.

Clicca qui per andare alla pagina dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale

 

La Quinta Commissione consiliare (oggi Seconda)

La Quinta Commissione permanente del Consiglio regionale si occupava (anni 2010-2015) di istruzione, formazione, beni e attività culturali, diritto allo studio, edilizia scolastica, ricerca e università, orientamento professionale, relazioni tra scuola e lavoro, emigrazione e immigrazione, informazione e comunicazione, sport. Esaminava e istruiva i provvedimenti per l’approvazione dell’aula (parere cd. referente), dava pareri cd. secondari su provvedimenti che interessano anche le materie di competenza, promuovendo audizioni e iniziative conoscitive e adottando risoluzioni di indirizzo. Si riuniva di regola tre volte al mese, e comunque ogni volta che le erano assegnati affari da trattare per l’aula. Oggi gran parte di queste competenze sono nella Seconda Commissione sviluppo economico e rurale, cultura, istruzione, formazione

Clicca qui per andare alla pagina della Seconda Commissione sviluppo economico e rurale, cultura, istruzione, formazione

Il Parlamento degli studenti

Il Parlamento regionale degli studenti della Toscana è una iniziativa promossa nel 2000 dalla Presidenza del Consiglio regionale, con la collaborazione di un gruppo di lavoro tecnico, dall’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica e dalla Direzione dell’Ufficio scolastico regionale. Da allora è cresciuto fino a divenire una vera e propria istituzione rappresentativa degli studenti dell’ultimo triennio della scuola secondaria. Il Parlamento degli studenti è eletto ogni anno, di norma nel mese di novembre, nel quadro delle iniziative della Festa della Toscana. Tutte le province della Toscana sono rappresentate. Il numero dei seggi spettanti a ciascuna di esse è fissato in base alla popolazione scolastica. Ogni scuola secondaria può aderire e ogni studente ha diritto ad essere informato. Il Parlamento degli studenti è composto da 60 giovani: 50 sono di nomina elettiva, in rappresentanza delle istituzioni scolastiche superiori delle province toscane; gli altri 10 sono componenti di diritto, presidenti delle consulte provinciali studentesche o loro delegati.

Per affermare il valore di questo originale organismo, il Consiglio regionale, su proposta di Daniela Lastri, ha approvato la legge regionale n. 34 del 2011, che lo istituisce formalmente.

Ogni anno il Parlamento individua un tema o più temi su cui lavora e si confronta con le scuole del territorio. Nell’anno 2010/2011 è stato: “Gli studenti nella Rete…La scuola nella società dell’informazione”. Nel “biennio parlamentare” 2011-2013 sono stati individuati quattro temi: Conflitti e integrazione (orientamento sessuale, disabilità e misoginia, guerra e povertà, immigrazione e conflitti etnico religiosi); Scuola accessibile, sicura e formativa (aggiornamento scolastico e diritto allo studio, relazione scuola lavoro, comunicazione e informazione); Partecipazione e cittadinanza attiva (confronto tra realtà di rappresentanza studentesca anche a livello europeo); Ambiente (partire dalla scuola per cambiare il modo di rapportarsi all’ambiente).

Con la nuova legge – che permetterà la durata in carica di due anni – gli studenti potranno programmare una attività di più ampio respiro e confrontarsi con i lavori del Consiglio Regionale.

Clicca qui per andare alla pagina del Parlamento degli studenti

 

La promozione della partecipazione

Il 22 settembre 2008 il Consiglio regionale della Toscana ha nominato l‘Autorità regionale per la garanzia e la promozione della Partecipazione, organismo istituito dalla legge regionale n. 69 del 2007. Il compito dell’Autorità consiste nel fornire a vari soggetti pubblici e associativi assistenza e consulenza per l’attivazione di processi partecipativi, e di valutare e sostenere, sulla base di bandi pubblici, progetti di partecipazione presentati da enti locali, associazioni, scuole, comitati di cittadini. L’Autorità organizza e partecipa a incontri tesi a promuovere e approfondire i temi delle democrazia partecipativa. Sulla pagina web dell’Autorità si possono trovare tutte le notizie, gli eventi, le relazioni finali sui processi partecipativi realizzati.
Con la legge regionale 2 agosto 2013, n. 46 “Dibattito pubblico regionale e promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali” è entrata in vigore la nuova normativa sull’Autorità per la partecipazione.

Clicca qui per andare alla pagina dell’Autorità per la partecipazione

Pianeta Galileo

Pianeta Galileo è un progetto di educazione scientifica nato nel 2004, che mette in contatto il mondo della scuola con quello della ricerca universitaria. Il progetto, cresciuto nel corso degli anni, va oggi oltre la semplice divulgazione delle più note applicazioni scientifiche, con l’obiettivo di mettere in risalto l’importanza di coltivare una mentalità scientifica in relazione ai numerosi diversi ambiti.

Si tratta di un folto programma di incontri-lezione tenuti da docenti universitari, di visite guidate, mostre, attività teatrali realizzate da compagnie di attori e dalle scuole.

Clicca qui per andare alla pagina del Pianeta Galileo

La Commissione pari opportunità

È un organismo autonomo di tutela e garanzia, istituito presso il Consiglio regionale, per l’attuazione dell’uguaglianza tra i generi , cioè per il superamento degli ostacoli che costituiscono per le donne fattori di discriminazione diretta e indiretta, favorendo il raccordo tra la realtà e le esperienze femminili della regione e le donne elette nelle istituzioni. Ha  funzioni consultive e di proposta nei confronti degli organi della Regione, funzioni di controllo e monitoraggio sulle politiche regionali per l’applicazione dei principi di non discriminazione e di pari opportunità fra donne e uomini, funzioni di verifica sull’applicazione dell’articolo 117, settimo comma, della Costituzione (parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive), e può promuovere interventi di assistenza e consulenza, elaborare progetti, organizzare iniziative e reti di coordinamento; cura, infine, la gestione della banca dati dei saperi delle donne.

Clicca qui per andare alla pagina della Commissione pari opportunità

Il progetto Euro-African partnership

Il  Consiglio regionale della Toscana ha promosso e sostenuto, insieme al Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UNDESA), il progetto “Euro-African Partnership for Decentralized Governance”, con l’obiettivo di sostenere i processi di decentramento e di autogoverno locale in Africa, in particolare favorendo lo sviluppo di partenariati tra Istituzioni locali e regionali italiane e di vari Paesi africani. Nel corso degli anni sono state realizzate conferenze internazionali che hanno visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali, associazioni di istituzioni locali e regionali, rappresentanti degli enti locali africani ed europei, tutti riuniti per sostenere le istituzioni locali dell’Africa sub-sahariana attraverso lo sviluppo di partenariati e per  rafforzare le politiche del decentramento.

Queste le linee di intervento che furono approvate dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio: sviluppo delle relazioni tra donne amministratrici africane ed europee; sviluppo del dibattito e dello scambio con Assemblee regionali africane, approfondimento e scambio sui temi della partecipazione dei cittadini a livello europeo ed africano, con particolare riferimento ai giovani, anche coinvolgendo il Parlamento degli Studenti; Institution building, con  interventi di formazione e scambi culturali rivolti alla diffusione nei paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente di conoscenze sugli ordinamenti occidentali; promozione di progetti in materia di diritti umani e stato di diritto.

E’ attivo il Forum delle donne amministratrici e delle donne delle associazioni toscane ed africane.

Clicca per andare al comunicato sul Forum e qui per andare al Forum

Clicca qui per andare al comunicato sulla campagna Donne + per l’Africa

Il Forum delle elette

Le consigliere elette nelle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome hanno costituito un proprio Forum all’interno della Conferenza dei presidenti delle Assemblee. A Roma, il 18 novembre 2011, hanno approvato un importante documento (alla redazione del quale ho attivamente partecipato) che afferma la necessità di cambiare le leggi elettorali, introducendo il principio del riequilibrio della rappresentanza di genere.

(Leggi il documento del Forum delle elette)

 

Le iniziative che ho assunto in Regione

I miei interventi

I comunicati stampa che mi riguardano

_________________________________________________________________________________________

 

RANDOM GALLERY
vialapolveredallastoria_2675 vialapolveredallastoria_3422 stampa2 daniela_8 assemblea2 dsc_1883
VI SEGNALO
CERCA NEL SITO
SEGUIMI anche SU: