La Carta di intenti delle donne toscane (fb 13 ottobre 2012)

ottobre 13, 2012admin2012, da FACEBOOK0

CARTA DI INTENTI 

Proposta dalle Consigliere del Consiglio Regionale della Toscana e dalla Rete Regionale del Coordinamento dei Comitati SNOQ della Toscana

Questa carta d’intenti è l’espressione di un’alleanza tra donne che hanno scelto di darsi obiettivi comuni, da perseguire insieme e separatamente nei propri ambiti di azione, per ottenere una nuova legge elettorale della Regione Toscana che garantisca una  democrazia paritaria e una effettiva rappresentanza di genere.

Consideriamo la scarsa presenza delle donne nelle Istituzioni e nello specifico nel Consiglio Regionale della Toscana  non solo antidemocratica, ma anche un segno di inefficienza del sistema, perché priva il Paese di un contributo determinante, pregiudicandone lo sviluppo economico, sociale e culturale.

Siamo coscienti che questa circostanza si inserisce in una più generale crisi della rappresentanza politica, aggravata dalle attuali leggi elettorali maggioritarie regionale e nazionale, dal momento che gli interessi generali del Paese e dunque anche quelli di genere non sembrano più riuscire a trovare  espressione, né ad influenzare l’agenda politica.

 

Riteniamo necessario restituire alle cittadine e ai cittadini la possibilità di contare.

Sappiamo bene che le donne, per essere meglio rappresentate, debbono  gestire in prima persona la rappresentanza, trasformando  in politica le proprie esperienze e  le proprie necessità. Questo non significa che le donne possono occuparsi solo di politiche “di genere”, al contrario le donne grazie ad un’ottica di genere in tutte le politiche, che siano economiche o sociali o altro, possono contribuire al cambiamento di questo Paese. Perché è chiaro che quando in una società sono garantiti i diritti e i bisogni delle donne, sono garantiti i diritti e i bisogni di tutti i cittadini.

Desideriamo affermare che la democrazia paritaria significa per noi non solo la presenza al 50 % dei due sessi in tutti i luoghi decisionali, ma vedere affermati e praticati valori come competenza, onestà, etica, trasparenza, legalità. 

Riteniamo che le ragioni  della scarsa presenza delle donne nelle Istituzioni debbano essere ricercate, oltre che nei condizionamenti sociali – culturali, nelle regole che ne governano l’accesso e nei partiti politici, sia nella loro organizzazione, ancora completamente a misura maschile, sia nei loro metodi di selezione delle candidature.

Facendo riferimento anche alla risoluzione presentata unitariamente da tutte le consigliere regionali l’8 marzo 2012 “Per il raggiungimento di una effettiva democrazia paritaria nelle Istituzioni”

NELL’ INTERESSE DELLA DEMOCRAZIA  RITENIAMO:

 - necessaria la modifica dell’attuale legge elettorale della Regione Toscana;

 - indispensabile e urgente l’introduzione nella nuova legge elettorale di strumenti di garanzia della parità di genere (50&50), sia nella presentazione delle liste delle candidate /i , sia nella elezione delle stesse/i.

In particolare :

 1. in caso di opzione per la reintroduzione delle preferenze all’interno di un sistema elettorale plurinominale, operando decisamente in favore della “doppia preferenza”, tassativamente diversa per genere, pena l’annullamento della stessa;

 2. in caso di opzione per il sistema uninominale, operando in favore della presentazione, all’interno del medesimo schieramento, di un numero paritario di candidature di donne e di uomini, ovvero in favore del così detto meccanismo “binominale”, che prevede la doppia candidatura uomo/donna per ogni schieramento in ogni collegio.

Prevediamo altresì nella nuova legge elettorale :

  • strumenti che, in caso di mancato rispetto dei meccanismi di cui sopra al momento della presentazione delle liste, stabiliscano l’inammissibilità delle stesse;
  • un apposito articolo sulla comunicazione, nel quale si faccia esplicito obbligo ai soggetti politici di assicurare la presenza paritaria (50&50) di candidati di entrambi i generi nei programmi di comunicazione politica offerti dalle emittenti radiotelevisive pubbliche e private e, per quanto riguarda i messaggi autogestiti previsti dalla vigente normativa, ad esaltarli con pari evidenza. 

Le donne che sottoscrivono ritengono decisivo che le candidature siano proposte in modo trasparente per dare la possibilità alle elettrici ed elettori di verificare la qualità dei candidati/e e siano evidenti il merito, i rapporti con il territorio, l’etica e i comportamenti onesti.

Le Consigliere  del Consiglio Regionale della Toscana e

la Rete Regionale dei Coordinamento dei Comitati SNOQ della Toscana

RANDOM GALLERY
foto_daniela_movimento_studentesco daniela_8 dsc_2141 dsc_1883 daniela_5 assemblea
VI SEGNALO
CERCA NEL SITO
SEGUIMI anche SU: