Comitato FirenzeCambialitalia con Bersani

ottobre 10, 2012admin2012, iniziative nel PD0

Costituzione del Comitato FirenzeCambialitalia con Bersani

Al di là di ogni ragionevole dubbio su queste primarie, cogliamo la serietà e la fiducia del messaggio lanciato dal Segretario del PD, di chiamare in causa il popolo del centro sinistra per esprimersi su chi deve ricoprire il ruolo di capo della coalizione. Legittimamente poteva rivendicarlo a sé, come esito naturale, oltre che scontato per Statuto del PD, della vicenda politica italiana, essendo stato negli anni del dilagante potere berlusconiano il capo riconosciuto del primo partito di opposizione, e, al momento della caduta di Berlusconi, uno dei protagonisti più importanti del cambio di guardia che ha consentito, in una situazione tragica per l’Italia, almeno la nascita del governo Monti.

Comprendiamo che l’obiettivo principale che Pierluigi Bersani si è proposto, chiedendo al PD di far partecipare alle primarie di coalizione anche altri esponenti dello stesso PD, è stato di far intendere chiaramente agli italiani che è finito il tempo dei capi indiscutibili, dei nomi dei leader nei simboli di partito, dei politici che vivono nell’esercizio più discrezionale del potete. Lo spettacolo deprimente in scena in questi giorni nella Regione Lazio è il simbolo di ciò contro cui si batte il PD, di un potere arrogante che non vuol sentirsi limitato in nulla, di una politica che brama di “prendere il potere” (penso a me, al mio presente) piuttosto che ambire ad assumere la responsabilità del governo della repubblica (penso all’Italia, al suo futuro).

Al di là dei fiumi di parole che si spendono sulle primarie, sappiamo che ci sono modi diversi di concepirle, e che Pierluigi Bersani incarna quello più autenticamente democratico, non certo quello populista. Il suo sincero appello, che non vi sia un solo uomo al comando e che questo cambiamento cominci fin da ora, non possiamo disattenderlo. Perciò nelle primarie ci saremo e, pur apprezzando altre candidature vicine come noi ai valori della sinistra, sosterremo Pierluigi Bersani, lo sosterremo con convinzione e non solo per onesto spirito di partito. Lo sosterremo perché sappiamo che solo così, nell’attuale confronto delle primarie, sarà possibile costruire una Italia più solida e un’Europa unita. Contiamo sul fatto che arrivi nelle case dei progressisti la voglia di una riscossa civica, la speranza di una società più giusta, l’impegno per una buona politica saldamente fondata sui principi democratici. Non vogliamo arroganza, lustrini, avventure. Non vogliamo correre rischi, e francamente non ce li meritiamo.

Parteciperemo ai comitati di sostegno alla candidatura di Bersani che nasceranno in queste settimane, e anzi noi stessi ci costituiamo in comitato, per promuovere incontri, iniziative, per parlare del PD e del centro sinistra e soprattutto di come faremo l’Italia migliore. Sappiamo, infatti, che Pierluigi Bersani non sta per conto suo, e che sulle sue spalle vi è già la storia recente del centro sinistra, con i suoi successi e anche con i suoi problemi. Sappiamo perciò che chiedere il voto per Bersani a queste primarie è come chiederlo per il PD e per il centro sinistra, è un modo, in fondo, di scommette su noi stessi, come siamo, con la nostra forza e le nostre speranze. Scommettiamo su di noi, al chiaro.

RANDOM GALLERY
vialapolveredallastoria_2675 dsc_1873 foto_daniela_movimento_studentesco vialapolveredallastoria_3422 dsc_2141 stampa
VI SEGNALO
CERCA NEL SITO
SEGUIMI anche SU: